Mahé (SEZ)

x

Aeroporto Andata Ritorno
*From October 2017
  • Torna a tutti i racconti

    Luna di miele in paradiso!

    Finiti i festeggiamenti del matrimonio, abbiamo avuto un giorno per riprenderci e poi via verso le Seychelles per il nostro viaggio di nozze!
    Partiti da Milano, abbiamo raggiunto Mahe in circa 13 ore, per mezzo di un volo operato da Ethiopian Airline.
    Una volta recuperati i bagagli, abbiamo trovato ad attenderci in aeroporto gli operatori della compagnia Creole, che ci hanno gentilmente guidato verso il porto.
    Da lì ci siamo imbarcati su un carinissimo cat-coco, un piccolo traghetto che collega le varie isolette, e solcando l’Oceano Indiano davanti un tramonto mozzafiato, abbiamo presto raggiunto l’isola di La Digue, prima tappa del nostro viaggio di nozze.

    A La Digue il tempo sembra essersi fermato, i mezzi a quattro ruote sono rarissimi; difatti il taxi che ci ha accompagnato presso la sistemazione prescelta era in realtà uno dei soli cinque taxi presenti su questa piccola isola.
    Usciti per assaggiare le tipicità creole, ci ha subito colpito la scarsità di illuminazione pubblica, che rende necessaria un pizzico di attenzione in più quando si cammina per le strade di La Digue. In compenso però milioni di stelle illuminavano il cielo sopra di noi... uno spettacolo davvero romantico, specie se osservato in riva al mare!
    Il mattino seguente, recuperate due biciclette, abbiamo cominciato il tour dell’isola!
    Percorrendo le viuzze, costeggiate da una vegetazione lussureggiante, ci siamo imbattuti in Anse La Réunion: sabbia bianchissima popolata soltanto da qualche granchietto, mare calmo di tutte le sfumature del verde, palme giganti e piante rigogliose di mille varietà! Impossibile resistere al desidero di tuffarsi in acqua! Attenzione però ad un aspetto: il fondale può presentare piccoli frammenti di coralli provenienti dalla barriera che protegge queste coste, per cui munitevi di scarpette da scoglio quando entrate in acqua.
    La seconda tappa del nostro tour è stata Anse Source d'Argent, cui si accede attraversando il parco L'Union Estate , al costo di circa 7 euro.
    ImageLa meravigliosa Anse Source d'Argent, La Digue Con le sue grandi rocce di granito che incastonano una serie di piccole baie, Anse Source d’Argent è davvero la più suggestiva delle spiagge delle Seychelles!
    Nonostante sia un posto altamente turistico, qui non si ha mai quella sensazione di sovraffollamento tipica delle spiagge italiane.
    Il consiglio numero uno è quello di fotografarla dal mare, magari mentre si passeggia tra qualche esemplare di bat fish, enormi pesci gialli e blu che nuotano tranquilli verso riva..ignari della presenza umana. Consiglio numero due: osservare il tramonto in spiaggia... assisterete ad uno spettacolo unico!

    ImageTramonto ad Anse Source d'Argent, La Digue

    Non si può andar via da La Digue senza una visita alle spiagge del sud tra cui Grand Anse e Petite Anse!
    Il sentiero per raggiungerle è un continuo salite-discese, ma in caso di eccessiva spossatezza possono venirvi in aiuto i fantastici succhi di frutta fresca preparati dai gentili proprietari dei chioschi lungo la via, davvero eccezionali e meritevoli di essere assaggiati.
    Una volta raggiunta Grande Anse lo scenario davanti ai vostri occhi sarà imponente: un’immensa distesa di sabbia bianca adornata da una vegetazione lussureggiante, che lambisce un oceano impetuoso, dal colore azzurro intenso.
    Questo tratto di costa non gode della presenza della barriera corallina, e le forti correnti impediscono di nuotare tranquillamente. Tuttavia, con un pizzico di prudenza, ci si può divertire a giocare verso riva con le maestose onde dell’oceano!
    Camminando verso destra attraverso la foresta tropicale, per un tratto di circa 15 minuti, si raggiunge la più piccola ma non meno suggestiva Petite Anse. Qui potrete gustare un freschissimo cocco aperto sul momento dal proprietario di un piccolo chioschetto sulla spiaggia, e riposare con il dolce rumore delle onde in sottofondo.

    ImagePetite Anse, La Digue

    Percorrendo in bici la costa a nord del porticciolo di La Digue si incontrano una serie di spiagge molto belle, tra cui Anse Severe, Anse Banane, Anse Patates... qui potrete tranquillamente fare il bagno e fermarvi ad osservare le tartarughe giganti che passeggiano adagio sulla sabbia bianchissima.

    La seconda tappa del nostro viaggio di nozze è stata Praslin: questa è un’isola già più grande di La Digue, per cui per muoverci abbiamo affittato una piccola macchina, necessaria se si vogliono esplorare anche gli angoli più nascosti!
    Tra questi vi è sicuramente Anse la Blague, a sud-ovest dell’isola: una lunga spiaggia di sabbia fine con un mare incontaminato! Qui abbiamo trascorso una giornata bellissima, in completa solitudine..a parte qualche pescatore che faceva capolino di tanto in tanto con il suo bottino di pesci tropicali.
    La spiaggia più famosa a Praslin è sicuramente Anse Volbert (Cote d'Or), dove si trovano la maggior parte dei turisti e, di conseguenza, vari beach boys promotori di escursioni.
    Noi ne abbiamo approfittato per salpare con loro verso le isole del Curieuse Marine National Park. Curieuse è una riserva protetta, qui potrete osservare tartarughe dalle varie dimensioni, dalle più piccole appena nate a quelle più grandi centenarie. Inoltre percorrendo un sentiero attraverso la foresta potrete osservare un ecosistema particolare, fatto di mangrovie, di enormi granchi rossi, di alberi secolari e uccelli variopinti.
    Ristorati da un buonissimo pranzetto creolo preparato al barbeque sulla spiaggia, abbiamo proseguito la nostra escursione facendo tappa all’isola di St. Pierre. Questo è un posto ideale per fare snorkeling: è emozionante nuotare tra una miriade di pesci dai colori sgargianti!

    ImageSt. pierre

    Sicuramente da segnalare sono le spiagge a nord di Praslin: Anse Lazio e Anse Georgette, quest’ultima in particolare è visitabile previo appuntamento con il resort Constance Lémuria Seychelles, in quanto per raggiungerla bisogna attraversare un percorso attraverso il campo da golf del resort.
    Queste sono spiagge bellissime, da vera cartolina delle Seychelles. Non vi è barriera corallina e l’acqua è un po’ più profonda che in altri punti, per cui si possono fare delle gran belle nuotate, ma fate attenzione alle maree: il nostro consiglio è quello di andarci al mattino, con la bassa marea, perché di pomeriggio l’alta marea fa sì che il mare si alzi e che le onde a riva raggiungano una potenza tale da lambire l’intera spiaggia…d'altronde la potenza dell’Oceano è incontrastabile!

    ImageRelax ad Anse Georgette, Praslin

    La terza tappa del nostro viaggio di nozze è stata l’isola di Mahe.
    Sbarcati al porto abbiamo trovato ad attenderci un simpatico ragazzo della compagnia Creole, che oltre ad autista ci ha fatto un po’ da Cicerone, fornendoci qualche curiosità sulla capitale Victoria e sulle varie spiagge che abbiamo incontrato lungo il percorso verso Baie Lazare, a sud dell’isola, dove era ubicata la nostra sistemazione, il resort Kempinski Seychelles Resort Baie Lazare.
    In questo posto ci siamo davvero voluti coccolare, abbiamo approfittato della estrema gentilezza dello staff del resort e ci siamo divertiti praticando kayak e snorkeling lungo la baia.
    Qui abbiamo potuto partecipare ad una cena tipica creola: siamo stati deliziati da una varietà di piatti tipici: dall’ottimo pesce preparato alla brace secondo una ricetta del luogo, dal riso creolo, e da uno spezzatino di carne al rum Takamaka… famoso rum dell’isola al sapore di vaniglia.

    Le Seychelles sono un posto magico, dove la natura sovrasta incontaminata, i ritmi sono lenti ed il relax assicurato… e grazie a Seyvillas e alla loro professionalità, non dovrete nemmeno preoccuparvi dell’organizzazione del viaggio, ma solo di preparare passaporto e valigia.
    Buone vacanze!

    Questo diario vi è stato utile? YES!
  • Image di Laura e Gianluca
Questo sito utilizza dei cookie per migliorare la vostra esperienza browser. Scopri di più.