x
+ -
Seychelles image

Mahé (SEZ)

x

Aeroporto Andata Ritorno
*From October 2017
  • Torna a tutti i racconti

    Le Seychelles spendendo poco

    Ricollegandomi al titolo, vorrei dire, che a prescindere dal fatto che tutto è relativo, soggettivo ed opinabile, ma, spendere poco più di 4000 euro in due, per fare 2 settimane di vacanza alle Seychelles, visitando 3 isole, relativi Hotel o Guest House in ½ pensione, trasferimenti e volo compresi, mi sembra che sia una cifra abbordabile e alla portata di “quasi” tutti.

    Detto questo veniamo al dettaglio della mia vacanza che per inciso ci siamo regalati io e mia moglie per i 20 anni di matrimonio.

    Intanto vorrei sottolineare che i trasferimenti via terra e via mare prenotati con Seyvillas sono stati ineccepibili e partendo dalla prima isola la mia esperienza è stata la seguente.

    Praslin

    Colibri Guest House: camera superior, difetti, pochi mobili e luci in camera deboli, ma per il resto tutto OK, bagno nuovo e una porta finestra a specchio che dava sul patio con una vista sulla baia di St. Anne a dir poco eccezionale.

    ImageVista dalla guesthouse "Colibri" a Praslin

    Qui mi sono fermato per 5 notti e non volendo prendere la macchina a noleggio per via della guida a sinistra, ho preferito affidarmi agli autobus di linea, dove per l’astronomica e ironica cifra di 5 rupie (vale a dire 31 cent di euro) potevi fare tutte le fermate che volevi. Ho visitato così Anse Marie-Louise e Anse Consolation, carine ma poco balneabili, poi Anse Volbert (Cote d'Or) dove il mare degrada dolcemente e per 100 rupie ho preso due lettini per tutta la giornata. Infine Anse Lazio (il primo e l’ultimo giorno)…che dire, la più bella spiaggia che ho visto alle Seychelles, il connubio perfetto tra spiaggia, mare e snorkeling, specie sul lato sinistro arrivando dalla strada.

    ImageAnse Consolation, Praslin
    ImageAnse Lazio, Praslin

    Dimenticavo, al Colibri si mangia veramente bene, servizio al tavolo, ristorantino vista mare e personale molto gentile.

    La Digue

    Pension Michel, 5 notti. Qui sono stato fortunato, penso che mi abbiano dato la camera più bella in quanto era l’unica con la veranda singola sul retro. Anche qui colazione e cena con servizio la tavolo, forse un po’ lento alla mattina, ma sulla qualità e la quantità nulla da dire, anzi più che buona.

    La Digue, l’isola delle biciclette, a parte qualche taxi, qualche camioncino e auto elettriche, e qui ho visto persone del posto che mentre pedalavano sulla bici riuscivano a trasferirne altre due nello stesso tempo…incredibile.

    ImagePension Michel, La Digue
    ImageTrasferimento di biciclette a La Digue

    Le spiagge che ho visto a La Digue, girando appunto in bicicletta, sono: Grand Anse, e dopo 25 minuti di sentiero, qualche granchio gigante e un po’ di sudore, ecco Petite Anse, e dopo altri 25 minuti, finalmente Anse Cocos.

    ImageAnse Cocos, La Digue

    Tutte e tre simili, molto belle ma con delle grosse onde. Poi ho passato una giornata ad Anse Severe, con barriera corallina, che una volta superata c’è un mare molto bello. Ancora Anse Patates, piccola ma molto carina dove ho visto celebrare sulla spiaggia un simpatico matrimonio.

    Per ultima la famosissima Anse Source d'Argent, 100 rupie per l’ingresso giornaliero, si possono vedere le tartarughe giganti dentro ad un recinto e una volta giunti al mare c’è veramente da sbizzarrirsi nel fotografare ogni angolo di questa celeberrima spiaggia. Reef basso, con delle belle piscine naturali, ed alla sera si possono ammirare dei romantici tramonti.

    ImageAnse Source d'Argent, La Digue
    ImageTramonto ad Anse Source d'Argent a La Digue

    Non contento di tutto questo, l’ultimo giorno ho fatto un escursione alle isole vicine Coco, Sister e Felicitè dove facendo snorkeling ho potuto vedere un’infinità di pesci, bellissimi i pesci pipistrello, peccato che la barriera corallina era molto rovinata.

    ImageSnorkelling presso Grande Soeur (Big Sister Island)

    Mahé

    Hotel Casadani, 3 notti, qualità prezzo buona, camera grandissima ma tende sempre chiuse per il passaggio degli altri ospiti davanti alla camera. Cena a buffet con una bella varietà di pesce, anche alla piastra.

    Qui a Mahé, sempre con il bus locale sono andato a Victoria dove ho visto il mercato locale coperto, un piccolo tempio indiano, la torre dell’orologio in miniatura ed entrando nel museo di storia naturale, piccolo ma carino, il “coco de mer” più pesante al mondo: 18,03 kg.

    ImageCoco de Mer da record

    Le spiagge che ho visto sono solo quelle vicino all’Hotel, vale a dire Beau Vallon, grande spiaggia piena di hotel di lusso e resort, e la piccola Anse Marie-Laure, molto intima e carina.

    Concludendo ed agganciandomi all’inizio aggiungo che tra bevande, extra ed escursioni ho speso altri 300 euro, tutto sommato molto poco, per cui si può fare una bella vacanza senza svenarsi ed una buona qualità nella scelta dei servizi. Nella vita si dice che bisogna provare un po’ di tutto e fra queste cose sicuramente non dovrebbe mancare una vacanza alle Seychelles, un esperienza unica ed indimenticabile.

    Questo diario vi è stato utile? YES!
  • Image di Pietro