x
+ -
Seychelles image

Mahé (SEZ)

x

Aeroporto Andata Ritorno
*From October 2017
  • Torna a tutti i racconti

    Colori, mare e vegetazione: che meraviglia!

    Praslin

    Prima tappa: Praslin. Ci accoglie una guesthouse davvero carina, Villas de Mer, con stanze deliziose vicine alla spiaggia. Le primissime impressioni? Un’isola ricchissima di vegetazione e poi eccoli… i fantastici colori del mare. All’arrivo serale iniziamo con una cenetta di pesce e cominciamo ad assaporare i sapori creoli. Dopo una notte di riposo andiamo a visitare la famosissima spiaggia di Anse Lazio, un sole accecante ed un mare da sogno.

    ImageAnse Lazio

    Questa spiaggia è impressionante per i colori del mare e la fitta vegetazione...le palme arrivano sulla spiaggia dando la possibilità di godere della loro ombra. Utilizziamo la macchina per visitare l’isola, anche se la guida è a destra... ma ci si abitua presto e giriamo l’isola da una parte all’altra.

    Il giorno dopo andiamo ad Anse Georgette, immersa tra un resort con campi da golf… ci facciamo una bella camminata per arrivare e ne vale davvero la pena. Da Anse Georgette si può ammirare il tramonto. Continuiamo con la visita della riserva naturale Vallée de Mai, dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1983 (è la più piccola foresta pluviale al mondo!!) durante la quale la nostra guida italiana ci spiega con dovizia di particolari il Coco de Mer e le diverse specie di piantagioni presenti…rimaniamo a dir poco incantate da questa natura così rigogliosa…e siamo anche fortunate: riusciamo a cogliere addirittura qualche quadrifoglio!!

    Non ci facciamo sfuggire l’escursione su Curieuse Island dove vediamo le tartarughe giganti, giriamo l’isola verdeggiante, ci rimpinziamo di pesce alla griglia e facciamo snorkeling a St. Pierre dove vediamo pesci coloratissimi e bellissimi.

    ImageIsola di Curieuse

    La Digue

    Ma è arrivato già il momento di cambiare isola. Avendo prenotato con Seyvillas abbiamo i transfer già organizzati e comodissimi, taxi puntuali e cordiali che ci accompagnano a destinazione, voucher in mano e con il traghetto in 20 minuti arriviamo a La Digue. L’organizzazione dei transfer è fondamentale e ci evita perdite di tempo. La guesthouse a La Digue, Villa Veuve, è immersa nella natura, la stanza è ampia e provvista di un cucinino.

    A La Digue si gira in bicicletta ed è fantastico, una bella sensazione di libertà e pace, specie per chi viene da una grande città. Anse Source d'Argent è la prima spiaggia che visitiamo. Decidiamo di fare un trekking tra la vegetazione per visitare Anse Marron (attenzione il trekking per arrivarci è impegnativo, meglio prendere informazioni in anticipo!), Grand Anse, Petite Anse e Anse Cocos.

    ImageAnse Marron

    Che spettacolo… non vogliamo più andar via… ma ci aspetta l’ultima isola: Mahé.

    Mahé

    Non ci lasciamo sfuggire la capitale Victoria dove troviamo un inaspettato tempio Indù ed un mercatino locale che giriamo e “saccheggiamo” con piacere. Questa volta scegliamo un hotel internazionale, il Coral Strand a Beau Vallon, anche qui troviamo una stanza grande ed abbiamo tutti i confort. A Mahé ci sbizzarriamo a girare con i bus locali e Anse Royale diventa la nostra spiaggia di riferimento.

    ImageAnse Royale a Mahé
    ImageAnse Royale a Mahé

    E così la nostra meravigliosa vacanza volge al termine…con un nodo alla gola ed un po’ di tristezza negli occhi riprendiamo il nostro volo per Roma…siamo tornate ormai da più di una settimana ma ancora sono impressi in maniera vivida ed indelebile nella nostra mente il verde intenso della natura lussureggiante di queste magnifiche isole e l’azzurro chiaro di quello splendido mare pieno di pesci variopinti…..sarà davvero difficile dimenticare!!

    Questo diario vi è stato utile? YES!
  • Image di Elisabetta